sabato

MI CHIEDI PERCHE' NON SONO SERENO (Versione maschile)

Mi chiedi perché non sono sereno.

La serenità appartiene a chi è nella pace,
non a chi muore ogni giorno con chi non può dirsi serena
perché vittima di un'ingiustizia.

Mi chiedi perché non sono sereno.

Perché ogni figlio è mio figlio,
ogni padre è mio padre,
perché ogni uomo costretto in un angolo
è l'uomo che sarei potuto essere,
quello che ero,
quello che un giorno sarò.

Mi chiedi perché non sono sereno
Perché di fronte a un dolore narrato
non volto la faccia,
non dico "basta" perché mi uccide saperlo,
ma resto.

E non cambio discorso.

Nessun commento:

Posta un commento