domenica

L'ERA DELL'INCANTO

Sono negli impeti di chi si da voce
e non delega, non pospone, non spera,
ma si afferma.

Sono nel grido gioioso dell’umanità
stupita della propria bellezza.

Sono dove è la coscienza,
e dove questa si oppone all’interesse
di coloro che non per merito, non per coraggio,
né per illuminazione
furono assunti a governare questa civiltà.

Sono nel desiderio di osare
e di ricercarsi oltre misura.

Sono dove ogni cosa è una e molteplice,
scomposta nelle differenze,
congiunta nel tendere unanimemente
alla dignità.

Sono nelle parole che non narrano di uomini,
né di donne
ma di anime generate dal medesimo palpito creativo.

Io sono l’era dell’Incanto.

E con gli sguardi di chi mi percepisce
investo la disattenzione di chi non mi crede possibile.

1 commento:

  1. Una poesia che fa vibrare corde che di questi tempi è proprio difficile far vibrare. Grazie per regalare tanta bellezza al mondo. Barbara

    RispondiElimina