martedì

L'ACQUA CHE NON M'APPARTIENE

Non ho diritto di bere.

Non ho diritto di possedere
ciò che mi compone.

E ogni goccia diviene mancanza
che reca i silenzi di chi non l'ha difesa.

Ogni respiro una sete d'affanno,

d'acqua che non arriva,
d'acqua che non bagna e non lava la fatica,

di noi,
prosciugati della nostra sostanza.

Nessun commento:

Posta un commento