mercoledì

ECCO

io vorrei il lustro
delle cose che si contengono:
la compostezza,
la fine nella sua finità.

non più il morso rabbioso dei cocci
né l'ombra di ciò che consuma

ma un grido sottile che giace,
sopito,
dalla sua sazietà.

Nessun commento:

Posta un commento